Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Onu, sull'aviaria va meglio ma non abbassare la guardia

In oro virus H5N1


Sull'influenza dei polli, le cose vanno meglio, ma attenzione a non abbassare la guardia.
E' questo il messaggio lanciato dai responsabili dell'ONU per l'influenza aviaria, dopo a

Sull'influenza dei polli, le cose vanno meglio, ma attenzione a non abbassare la guardia.
E' questo il messaggio lanciato dai responsabili dell'ONU per l'influenza aviaria, dopo ampie operazioni di controllo compiute l'anno scorso nelle aree infettate dal virus, spesso mortale, trasmesso dai volatili.
Le notizie sono in generale confortanti, ha spiegato oggi a New York un alto responsabile delle Nazioni Unite, a poche settimane dall'inizio dell'inverno.
''I paesi sviluppati hanno ridotto di molto la probabilita' di un rapido propagarsi del virus . Lo stesso mutamento del virus e' il risultato di una campagna di profilassi rapida, organizzata ed efficace da parte di questi paesi'', sottolinea David Nabarro, coordinatore della task force che le Nazioni Unite hanno istituito con l'apparire del fenomeno nel 2003.
Ma Nabarro invita anche a non cantare facilmente vittoria, ne' tanto meno ridimensionare la portata di quella che tuttora rimane un'emergenza.
''In ben 33 province dell'Indonesia abbiamo ancora una situazione di emergenza sanitaria, e la gente continua ad essere contagiata ed a morire'', sottolinea l'esperto delle Nazioni Unite.
La situazione rimane critica anche in altri paesi del sud est asiatico come Cambogia ed Thailandia, dove il virus e' tuttora presente sul territorio.
Preoccupa inoltre in prospettiva la situazione in Africa, soprattutto per la forte densita' della popolazione unita a scarsi strumenti di profilassi, che insieme formano un mix esplosivo per il diffondersi di un epidemia che molti di quei paesi non saprebbero affrontare.
Per la sua alta mortalita' tra gli uomini, circa il 50%, l'influenza aviaria, soprattutto nella sua versione piu' aggressiva -la H5N1- e' ritenuta dagli epidemiologi di tutto il mondo come la candidata piu' accreditata per il diffondersi di una pandemia nel prossimo decennio.
Recentemente in Australia e Singapore sono stai compiuti, con buoni risultati, vaste esercitazioni che simulavano un diffondersi della pandemia tra la popolazione.
''Il problema e' rilevare il quando e il come, e non se la pandemia si manifestera' prima o poi.
I prossimi 5-10 anni sono da considerarsi ancora critici'', avverte Nabarro.
''Per questo -prosegue l'esperto- non ritengo che il fenomeno sia stato sopravvalutato, ma che serva una campagna di informazione ancora piu' capillare e chiara sui rischi che si corrono.
''In molti paesi ad esempio -ricorda infine Nabarro- abbiamo avuto grossi problemi a convincere le popolazioni locali ad abbattere i propri animali infetti, e a volte siamo stati accusati di condurre politiche ostili nei loro confronti''.

Redazione MolecularLab.it (06/11/2006)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: aviaria
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy