Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Un cocktail di batteri contro il Clostridium

Radiografo


Continua la lotta contro le infezioni di MRSA: usati gli stessi batteri per limitare e sopprimere la malattia causata da Clostridium difficile

In uno studio pubblicato di recente, alcuni ricercatori hanno sviluppato un cocktail di batteri che combatte l'infezione da Clostridium difficile. Nello studio della ricerca, gli scienziati hanno usato topi per identificare una combinazione di sei batteri presenti in natura che eliminano una forma molto contagiosa di C. difficile, un batterio infettivo legato a molte morti in ospedale. Tre dei sei batteri non sono mai stati descritti prima. Questa scoperta rivoluzionaria potrebbe avere implicazioni significative per futuri controlli e metodi di cura.

Il C. difficile è una specie di batteri Gram-positivi che possono causare gonfiore, diarrea e dolori addominali. È stato uno dei fattori che hanno contribuito a oltre 2.000 morti nel Regno Unito nel 2011. Il C. difficile è presente in forma innocua nel corpo di alcune persone, dove può vivere naturalmente e non causare problemi, finché sono presenti nell'intestino altri batteri che ne sopprimono il numero e gli impediscono di diffondersi. Se la persona ha assunto un antibiotico ad ampio spettro come la clindamicina, i batteri naturali del corpo possono essere distrutti e l'intestino viene invaso dal C. difficile.

Il ceppo aggressivo di C. difficile analizzato in questo studio è stato responsabile di epidemie in Europa, Nord America e Australia. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista PLOS Pathogens.

I ricercatori hanno scoperto che questo ceppo di C. difficile, tipo 027, stabilisce un persistente e prolungato periodo contagioso conosciuto come superspargimento, che è molto difficile da curare con antibiotici.
Questi "superdiffusori" contagiosi rilasciano spore molto resistenti per un periodo prolungato che sono molto difficili da sradicare dall'ambiente. Situazioni del genere sono frequenti negli ospedali.

"Abbiamo curato i topi infetti con questa forma persistente di C. difficile con una serie di antibiotici, ma continuavano ad avere ricadute di diffusione o contagiosità," dice il dott. Trevor Lawley, primo autore dello studio, dell'Istituto Wellcome Trust Sanger nel Regno Unito. "Quindi abbiamo cercato di curare i topi usando un trapianto di feci, feci omogeneizzate di un topo sano. Questo ha soppresso in modo veloce ed efficiente la malattia e lo stato di superdiffusione senza ricadute nella grande maggioranza dei casi. L'epidemia causata da C. difficile è refrattaria agli antibiotici ma può essere soppressa con un trapianto di feci, risolvendo i sintomi della malattia e la contagiosità."

Il team voleva portare questa ricerca un passo più avanti e isolare i batteri precisi che sopprimono il C. difficile e ripristinano l'equilibrio microbico dell'intestino. Hanno coltivato un gran numero di batteri che si trovano naturalmente nell'intestino del topo, tutti da uno dei quattro gruppi principali dei batteri che si trovano nei mammiferi. Hanno testato molte combinazioni di questi batteri, finché non hanno isolato un cocktail di sei batteri che funzionavano meglio per sopprimere l'infezione.

"Il misto di sei specie di batteri ha soppresso in modo efficace e riproducibile lo stato di supersdiffusore del C. difficile nei topi, ripristinando la sana diversità batterica dell'intestino," dice il professor Harry Flint, autore anziano dell'Università di Aberdeen in Scozia, Regno Unito.

Il team ha poi sequenziato i genomi dei sei batteri e ha confrontato il loro albero genealogico genetico per definirli in modo più preciso. Sulla base di questa analisi, il team ha scoperto che il misto di sei batteri ne conteneva tre che erano stati descritti in precedenza e tre specie nuove. Questo mix è geneticamente vario e viene dai quattro gruppi principali di batteri che si trovano nei mammiferi. Questi risultati illustrano l'efficacia di soppiantare il C. difficile e il microbiota del superdiffusore con un mix definito di batteri, che si trovano naturalmente nell'intestino.

"I nostri risultati preparano il terreno per ridurre l'uso eccessivo di antibiotici e sfruttare il potenziale delle comunità microbiche naturalmente presenti per curare l'infezione da C. difficile e la sua trasmissione e potenzialmente altre malattie legate agli squilibri microbici," spiega il professor Gordon Dougan, autore anziano dell'Istituto Wellcome Trust Sanger. "Il trapianto di feci è visto come una cura alternativa ma non è molto usato a causa del rischio di introdurre patogeni nocivi e della generale avversione dei pazienti. Questo modello incapsula alcune delle caratteristiche della terapia fecale e funge da base per sviluppare una miscela standard di cura."

Leggi l'articolo scientifico
Lawley, T. D., et al., "Targeted restoration of the intestinal microbiota with a simple, defined bacteriotherapy resolves relapsing Clostridium difficile disease in mice", PLOS Pathogens. DOI:10.1371/journal.ppat.1002995

Fonte: Cordis (26/11/2012)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: MRSA, Clostridium, feci, ospedali, infezioni
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy