Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Sigarette come scarico di un TIR

Fumatore


Alcuni ricercatori hanno confrontato le emissioni di polveri sottili di un TIR e quelle generate dalle sigarette, con risultati allarmanti

L'inquinamento prodotto dal fumo di sigaretta è superiore a quello causato dalle polveri sottili sprigionate dallo scarico di un TIR: fumare per 8 minuti provoca l'emissione di polveri fini e ultrafini fino a quattro volte superiore rispetto allo stesso tempo di accensione al minimo del motore diesel di un TIR.

Lo hanno dimostrato i ricercatori del Centro Antifumo dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano guidati da Roberto Boffi, Pneumologo Responsabile della struttura di "Fisiopatologia respiratoria", che hanno presentato i risultati di alcuni esperimenti nel corso della giornata mondiale senza tabacco. Alla manifestazione, che si è svolta oggi all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, hanno partecipato oltre 300 ragazzi provenienti dalle scuole superiori lombarde.

Il primo esperimento condotto dai ricercatori ha confrontato le emissioni di polveri sottili prodotte da un TIR, modello Mercedes da 13.000 centimetri cubici di cilindrata, rispetto a quelle generate dalle sigarette.
Per effettuare le misurazioni è stato utilizzato un apparecchio la cui tecnologia è in grado di esprimere la quantità degli inquinanti (polveri sottili tossiche "PM1", "PM2,5" e "PM10"). I ricercatori hanno prima misurato le emissioni prodotte dal TIR rimasto acceso per 8 minuti al minimo dei giri, in un secondo momento hanno chiesto a un fumatore di fumare per altri 8 minuti consecutivi. Confrontando i risultati è emerso che l'inquinamento generato dalle sigarette, a parità di condizioni, è sempre superiore sia nei valori di picco sia nella media degli 8 minuti: le sigarette emettono da 6 a 4 volte più polveri sottili rispetto al TIR, con picchi di oltre 700 microgrammi per metro cubo.

Un secondo esperimento illustrato nel corso della mattinata ha riguardato gli inquinanti rilasciati nell'ambiente dal consumo di sigarette in un locale notturno. Ospitati alla discoteca Pelledoca di Milano, i ricercatori dell'Istituto hanno misurato nell'aria le polveri sottili e il "black carbon", rappresentativo della presenza nell'aria di idrocarburi policiclici aromatici (gli IPA, la componente più tossica del particolato fine), d'estate quando il locale è all'aperto e si può dunque fumare liberamente e d'inverno, quando si balla al chiuso e si può fumare solo uscendo dal locale. I risultati dimostrano che anche se all'aperto la quantità di polveri sottili è più bassa, le concentrazioni di black carbon sono più del doppio rispetto a quando il locale è al coperto, ad indicare che anche se si fuma all'aperto questo non è sufficiente a garantire che l'ambiente sia libero dalle sostanze nocive emanate dalla combustione delle sigarette.

Redazione MolecularLab.it (04/06/2014 09:30:06)
Pubblicato in Cancro & tumori
Tag: sigaretta, fumo
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy