Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Mancanza rimpianti dovuta anche a lesione cervello


L assenza di rimpianti puo essere determinata anche da una lesione cerebrale specifica. E quanto ritengono di aver accertato i componenti di un gruppo di ricercatori italiani e francesi dell Istit

L' assenza di rimpianti puo' essere determinata anche da una lesione cerebrale specifica. E' quanto ritengono di aver accertato i componenti di un gruppo di ricercatori italiani e francesi dell' Istituto di Scienze cognitive di Lione. Un loro studio - pubblicato sulla rivista 'Science' - ha individuato in una particolare lesione alla corteccia orbifrontale la radice della mancanza di rimpianti in alcune persone.
Questo risultato e' frutto di una ricerca interdisciplinare in cui ad una equipe di neuropsicologi si e' affincato un test decisionale perfezionato da un giovane economista, Giorgio Coricelli, ricercatore al dipartimento di Economia politica dell' Universita' di Siena.
Lo studio e' consistito nel comparare l' attitudine al rimpianto in individui normali e in pazienti che soffrono di lesioni della corteccia orbifrontale.
Dopo un attacco cerebrale - spiega una nota dell' ateneo senese - questi pazienti escono generalmente dall' ospedale in buona salute, ma la loro esistenza si trasforma in una ''catastrofe sociale'', dal momento che prendono decisioni senza tener conto delle conseguenze delle loro azioni.
''La corteccia orbifrontale - precisa la nota - integra i componenti conoscitivi ed emozionali del processo decisionale: la peculiare disfunzione da cui sono affetti questi pazienti, li rende inabili a generare emozioni specifiche come il rammarico, che ha un ruolo fondamentale nella regolazione del comportamento individuale e sociale''.
Un aspetto particolare della ricerca e' la presenza di un economista nell' equipe di Lione. Da economista puro Giorgio Coricelli e' passato alla neuro-economia, specializzandosi all' Universita' dell' Arizona con Vernon Smith, nobel 2002 per l' economia con Daniel Kahmenan. Si tratta di un approccio nuovo alla scienza economica: se la teoria classica ha a lungo considerato l' individuo come un soggetto razionale che opera le sue scelte sulla base di calcoli probabilistici, negli ultimi anni si e' sviluppato un approccio che tiene conto anche dei fattori psicologici che intervengono nei processi decisionali. E il rammarico - spiega l' ateneo senese - ''e' l' espressione di un senso di responsabilita' per le proprie scelte'' a cui, anche ''un intermediario in borsa non deve essere insensibile''.

Fonte: Ansa (06/07/2004)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: cervello
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy