Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Smog: polveri ultrafini 'killer' per il cuore


Lo smog cittadino e un veleno non solo per bronchi e polmoni ma anche per arterie, cuore e cervello. E i killer piu spietati, che con effetto immediato aumentano del 20% il numero di infarti e ict

Lo smog cittadino e' un veleno non solo per bronchi e polmoni ma anche per arterie, cuore e cervello. E i 'killer' piu' spietati, che con effetto immediato aumentano del 20% il numero di infarti e ictus e la loro mortalita', sono le polveri ultrafini (Pm0,5-1). ''Mentre quelle sottili (tra cui il Pm10) agiscono nel tempo, irritando progressivamente le vie respiratorie fino a provocare bronchiti croniche, asma e tumori del polmone, quelle ancora piu' piccole, di diametro inferiore a un micron, agiscono subito: entrano nel sangue, ne favoriscono la coagulazione e scatenano la trombosi'', a rischio di ischemie cardiache e cerebrali. A lanciare l'allarme, alla luce di nuove richerche italiane, e' il professor Pier Mannuccio Mannucci, neo presidente della Societa' italiana di medicina interna (Simi), oggi in conferenza stampa a Milano per illustrare le novita' del 105esimo Congresso nazionale Simi conclusosi ieri a Palermo. Da vari studi epidemiologici internazionali ''e' ormai risaputo che nelle grandi citta' la mortalita' e' direttamente proporzionale ai livelli di inquinamento'', ha ricordato Mannucci. Che al convegno siciliano ha pero' presentato nuovi dati, ''raccolti con i colleghi della Medicina del lavoro''. Gli effetti dell'inquinamento sul sistema cardiovascolare ''non sono cumulativi - e' emerso - bensi' immediati e legati all'aumento della coagulazione del sangue causato dalle polveri ultrafini, le uniche capaci di entrare in circolo''.
E cosi', come provano indagini olandesi e inglesi, ''ai picchi di polveri corrispondono picchi di mortalita' cardiovascolare: nei giorni piu' inquinati l'incidenza e la mortalita' per eventi trombotici aumenta del 20%''. Purtroppo ''i livelli atmosferici di queste particelle ultrafini non sono misurabili - ha precisato Mannucci - perche' con le tecniche a nostra disposizione possiamo dosare al massimo il Pm2,5 e non le polveri piu' sottili''. Il parere dell'esperto e' comunque che il blocco del traffico o le targhe alterne siano solo ''misure occasionali, insufficienti, per porre rimedio al superamento dei livelli soglia. Bisognerebbe piuttosto pianificare strategie di tipo preventivo, interventi molto piu' articolati''. Al congresso Simi, ha riassunto lo specialista, si e' anche parlato dei benefici dell'attivita' fisica: ''Un po' la 'panacea di tutti i mali''', ha affermato, assicurando che ''20-30 minuti di camminata a passo sostenuto, ripetuti due o tre volte alla settimana, aiutano a prevenire non solo le malattie cardiache ma anche i tumori e perfino gli interventi di asportazione della cistifellea''. Ma sui benefici dello sport all'aperto (''che si mantengono anche quando l'aria non e' pulitissima'', e' convinto Mannucci) ''non si fa abbastanza 'pubblicita' progresso'. E in questo senso sono utilissimi 'testimonial' come Prodi che va in bicicletta o Berlusconi che fa jogging''. A Palermo, ha concluso il nuovo presidente della Simi, si e' infine discusso della necessita' di soccorsi piu' rapidi alle vittime di ictus (Stroke unit e farmaci trombolitici entro 3-4 ore); delle speranze della terapia genica contro emofilia, talassemia e fibrosi cistica (mille sperimentazioni in corso nel mondo), ma anche contro tumori e malattie cardiovascolari; del rischio di morti da caldo; dell'esistenza di febbri misteriose le cui cause restano ignote nel 30% dei casi; di test genetici (''spesso abusati''); di statine anti-colesterolo (''forse ne esistono troppe, ma sono farmaci salvavita'') e di Ecm. ''La formazione medica continua e' subito diventata un grande business - ha commentato Mannucci - Si cerca di evitare il conflitto di interessi impedendo alle aziende farmaceutiche di fare i provider e costringendo i relatori a dichiarare di non avere alcun rapporto con l'industria, ma poi sappiamo che ci sono 'provider-ombra' delle aziende e che molti medici, per forza di cose, sono consulenti delle industrie. Sono ipocrisie all'italiana. Forse bisognerebbe distinguere tra vari tipi di rapporti: un conto e' una consulenza, un altro la compartecipazione a un brevetto''.

Fonte: AdnKronos (28/10/2004)
Pubblicato in Ecologia e Ambiente
Tag: smog, fumo, inquinamento, polveri, cuore
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy