Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Barroso delinea le misure per portare in Europa la scienza al successo

Ricercatore in laboratorio


"L'arte e la scienza sono le colonne su cui poggia l'Europa", ha affermato il Presidente della Commissione europea JosÚ Manuel Barroso in un discorso pronunciato il 13 gennaio all

"L'arte e la scienza sono le colonne su cui poggia l'Europa", ha affermato il Presidente della Commissione europea JosÚ Manuel Barroso in un discorso pronunciato il 13 gennaio all'UniversitÓ di Tecnologia di Delft. Ma se le arti prosperano in Europa, secondo Barroso, "il quadro di scienza, ricerca e tecnologia Ŕ pi¨ eterogeneo e, sotto alcuni aspetti, la tendenza a lungo termine Ŕ allarmante".
Per illustrare il successo delle arti in Europa, il Presidente della Commissione ha citato cifre record di visite alle gallerie d'arte, la pubblicazione di pi¨ libri rispetto al passato e il coinvolgimento pi¨ attivo delle industrie creative nell'economia europea.
Per contro, l'UE non va altrettanto bene in ambito scientifico rispetto ai concorrenti tradizionali ed emergenti. "L'UE investe nella ricerca circa un terzo in meno degli USA. La percentuale del PIL destinata alla spesa nel campo di R&S [ricerca e sviluppo] ristagna, mentre gli investimenti per la ricerca in Cina crescono del 20 per cento ogni anno. Aumenta la tendenza delle multinazionali a trasferire le proprie attivitÓ di ricerca dall'Europa ad altri paesi, e sempre pi¨ in Asia", ha affermato Barroso. Si aggiunga che l'Europa attrae meno ricercatori provenienti da altri paesi rispetto agli Stati Uniti e che i tre quarti dei ricercatori europei che stanno svolgendo un dottorato negli USA affermano che, una volta conseguito il titolo, preferirebbero rimanere in quel paese, e la situazione appare piuttosto cupa per la ricerca europea.
La Commissione sta lavorando per invertire tale tendenza, elaborando e definendo proposte per organizzazioni quali l'Istituto europeo della tecnologia e il Consiglio europeo della ricerca (CER). La Commissione sta inoltre individuando azioni specifiche che contribuiranno alla crescita di aziende europee innovative, in particolare piccole e medie imprese (PMI). Anche l'applicazione della normativa sugli aiuti di Stato e le regole in materia di concorrenza sono oggetto di analisi.
Secondo Barroso, anche la modernizzazione del settore dell'istruzione superiore europea Ŕ una prioritÓ.
Gli ostacoli comprendono le barriere fra le universitÓ e fra le universitÓ e le imprese, un divario nei finanziamenti rispetto agli Stati Uniti, e la mancanza di una vera autonomia fra universitÓ.
Le barriere possono essere abbattute solo se si eliminano le "restrittive disposizioni nazionali", ha affermato il Presidente della Commissione, e se aumenta il rispetto dei titoli di studio degli altri Stati membri, insieme alla mobilitÓ transnazionale di studenti e personale.
"I programmi dell'UE quali Erasmus e Marie Curie hanno un effetto positivo, ma il fatto resta che occorre sempre un vero sforzo da parte degli Stati membri e delle stesse universitÓ per fornire le strutture necessarie", ha aggiunto Barroso.
Barroso ha inoltre sottolineato che all'aumento del numero di studenti iscritti non Ŕ corrisposta una crescita proporzionale dei finanziamenti. Al contrario, negli ultimi decenni le risorse per studente messe a disposizione delle universitÓ hanno registrato una flessione costante. Criticando i sistemi nazionali che limitano le attivitÓ di alcune universitÓ, il Presidente Barroso ha affermato che le universitÓ "non sono state in grado - o forse non sono state autorizzate - a colmare la differenza con fonti private".
Il disavanzo negli investimenti che interessa l'istruzione superiore Ŕ talmente ampio oggi che colmare il divario con gli USA implicherebbe in Europa una spesa ulteriore di 10.000 euro all'anno per studente, ha affermato JosÚ Manuel Barroso. "╚ difficile capire in quale modo sarÓ possibile competere con i migliori al mondo se non si prendono iniziative per ridurre tale divario", ha aggiunto.
Sostenendo la tesi di combinare una vera autonomia con la responsabilitÓ per le universitÓ, il Presidente Barroso ha osservato che "i governi degli Stati membri attribuiscono un valore talmente elevato alle proprie universitÓ da tendere a vincolarle in maniera eccessiva. Microgestione, imposizione di un'eccessiva uniformitÓ: l'effetto pu˛ essere soffocante". Al contrario, i governi dovrebbero limitarsi a definire e orientare il settore dell'istruzione superiore in generale, ha proseguito, lasciando che le universitÓ stabiliscano prioritÓ e programmi, predispongano la struttura organizzativa, gestiscano le proprie disponibilitÓ materiali, finanziarie e intellettuali, i bilanci e i partenariati, assumano e retribuiscano il personale adeguatamente, e dirigano gli sforzi comuni verso prioritÓ istituzionali nella ricerca, nell'insegnamento e nei servizi.
Il Presidente della Commissione ha anche sollecitato il riconoscimento e la premiazione dell'eccellenza al massimo livello. Per procedere in questa direzione ha proposto lo sviluppo di istituti che offrano corsi di perfezionamento strutturati e studi dottorali e post-dottorali. Da parte sua, la Commissione intende promuovere l'eccellenza attraverso la creazione di un Istituto europeo della tecnologia (IET). "L'eccellenza ha bisogno di fiori all'occhiello", ha affermato JosÚ Manuel Barroso.
I dettagli dello IET non sono stati ancora definiti, ma attualmente il progetto prevede "una forma di organizzazione che si occupi di attivitÓ ad alto livello nel campo dell'istruzione, della ricerca e dell'innovazione, sia in determinate aree tematiche strategiche che nel campo della gestione della scienza e dell'innovazione".
"Per evitare di reinventare la ruota, si dovrebbe basare sul principio dell'associazione delle risorse europee esistenti", ha aggiunto Barroso. Se il Consiglio europeo di primavera darÓ il via a questa nuova idea, Ŕ verosimile che giÓ in estate venga avanzata una proposta legislativa, con la prospettiva che lo IET accolga gli studenti per l'anno accademico 2009/2010.
Il Presidente Barroso ha concluso il discorso ritornando sull'interrogativo "arte o scienza?" Il fatto di essersi concentrato sulla scienza non implica che questa sia pi¨ importante dell'arte, ma Ŕ dovuto piuttosto alle lacune nella scienza. "L'arte e la scienza sono le colonne su cui poggia l'Europa. Sarebbe perci˛ opportuno assicurare sempre le giuste condizioni per farle prosperare entrambe", ha affermato.

Fonte: Cordis (18/01/2006)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: scienza
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy