Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 Biologi Nutrizionisti - le posizioni dell'Ordine
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie
Pagina Precedente | Pagina Successiva

Tag   biologi nutrizionisti  Aggiungi Tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione
Pagina: di 8

alessio81
Nuovo Arrivato



8 Messaggi

Inserito il - 27 aprile 2010 : 17:06:57  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di alessio81 Invia a alessio81 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da celtic


testi (vd. nuove edizioni):


Bonardi/Deambrogio/Oliaro
Interpretazione dei dati di laboratorio.
EDIZIONI MINERVA MEDICA, 1999.

Del Toma E.
Dietoterapia e Nutrizione Clinica.
IL PENSIERO SCIENTIFICO EDITORE – II° EDIZIONE-, 1995.

Gatti G.
Dal sintomo alla diagnosi alla terapia.
Minerva Medica, 2000.

Henry J.B.
Diagnosi clinica e sua gestione con metodi di laboratorio.
Piccin, 1996.

Nelson/Moxness/Jensen/Gastineau
Dietologia il Manuale della Mayo Clinic.
CENTRO SCIENTIFICO EDITORE VII edizione.


Vannozzi G.
Manuale di scienza dell’alimentazione. Lineamenti di dietoterapia e nutrizione clinica.
La Nuova Italia Scientifica, 1993. (non mi è stato granchè utile in realtà).

Zangara/Bianchi
Dietologia composizione e biochimica degli alimenti alimentazione e dieta nel sano e nel malato.
PICCIN II° edizione (1991).

Siti.

Centers for disease control and prevention (http://www.cdc.gov/)
Lab tests online http://www.labtestsonline.org/
Mayo Clinic http://www.mayoclinic.com/
Medline Plus http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/
NCCAM (per informazione erboristeria) http://nccam.nih.gov/
Pubmed http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/

+ CORSI ECM




spero di trovarne anche di usati
Torna all'inizio della Pagina

Ghibli
Nuovo Arrivato




96 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 02:22:06  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Ghibli Invia a Ghibli un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da alessio81

Citazione:
Messaggio inserito da celtic


testi (vd. nuove edizioni):


<SNIP>



spero di trovarne anche di usati



Te ne aggiungo qualche altro:

Aldo Mariani Costantini
Alimentazione e Nutrizione Umana
Pensiero Scientifico Editore

Giancarlo Vannozzi
Lineamenti di dietoterapia e nutrizione clinica
Pensiero scientifico editore

Michelangelo Giampietro
L'alimentazione nell'esercizio fisico e nello sport
Pensiero scientifico Editore

Paola Binetti
Manuale di Nutrizione clinica e scienze dietetiche applicate
Societa' editrice Universo



Buono studio

Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 08:50:05  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Ghibli

Citazione:
Messaggio inserito da alessio81

Citazione:
Messaggio inserito da celtic


testi (vd. nuove edizioni):


<SNIP>



spero di trovarne anche di usati



Te ne aggiungo qualche altro:

Aldo Mariani Costantini
Alimentazione e Nutrizione Umana
Pensiero Scientifico Editore

Giancarlo Vannozzi
Lineamenti di dietoterapia e nutrizione clinica
Pensiero scientifico editore

Michelangelo Giampietro
L'alimentazione nell'esercizio fisico e nello sport
Pensiero scientifico Editore

Paola Binetti
Manuale di Nutrizione clinica e scienze dietetiche applicate
Societa' editrice Universo



Buono studio





Il libro di Giampietro credo sia ottimo. Non sapevo avesse fatto un libro ci avevano fornito una mini dispensina dell'autore durante un corso, Adesso che so che esiste lo compro anche io.
Quella dell'attività fisica è una questione essenziale per il nutrizionista (almeno secondo il mio punto di vista).
Una dieta basata esclusivamente sulla restrizione calorica riduce il
metabolismo favorendo le recidive a fine trattamento.
Dieta da 1200 kcal o meno sono fortemente associate a recidive, diete da 800 kcal o meno sono associate a variazione degli elettroliti plasmatici (compresi quelli che regolano la contrattilità cardiaca come il potassio) con rischio di fibrillazione (soprattutto nella fase post - dieta) (so: Manuale della Mayo Clinic citato nei post precedenti).
Una dieta basata sulla restrizione calorica in persone con alterazioni tiroidee (TSH elavato ma triiodotironina e tiroxina normali) diventa quindi un fattore tendenete all'evoluzione in ipotiroidismo (con trattamento con levotiroxina).
Se una persona ha una ridotta funzionalità tiroidea (per riequilibrare l'omesotasi) è meglio indicare l'attivitè fisica (che tende ad innalzare il metabolismo).
L'attività fisica riduce l'iperglicemia (anche per riduzione dell'insulino resistenza), riduce le dislipidemie, tende a regolarizzare la pressione arteriosa (attività fisica aerobica).
La Mayo Clinic articola un trattamento di riduzione ponderale su tre livelli: dieta, attività fisica, indicazioni comportamentali, i cdc ameno su due livelli: nutrizione equilibrata ed attività fisica (http://www.cdc.gov/healthyweight/index.html).

Da biologo uno dei problemi fu proprio quello di poter inserire, anche da un punto di vista legale, l'attività fisica nel trattamento di riduzione ponderale.
Un biologo (potendo valutare i bisgoni nutrivi ed energatici) può consigliare, ad esempio, "di consumare 150 kcal al giorno, nediante attività fisica aerobica a media intensità (esempio: camminare, ciclismo, ecc.), misurata secondo la scala di Borg dello sforzo percepito (o altre scale).
Spiegando alla persona cosa la sia la Scala di Borg dello sforzo percepito (o il "metodo della frequenza cardiaca massima" o il "test della conversazione").
Il problema nasceva poi: dopo alcuni mesi la persona mi dicava "dottore mi sono stancata di camminare, vorrei iniziare a correre, può scrivermi un programma di jogging?" IO, COME BIOLOGO DOVEVO RISPOONDERE DI NO (a mia domanda l'Ordine mi rispose per iscritto dicendo che "non rientra nelle competenze del biologo elaborare piani di attività fisica finalizzati ad accelerare il dimagramento" e dovevo ricorrere a un professionista del settore.
Essendo fuori da qualunque logica inviare una persona da un laureato in scienze motorie per elaborare un programma di jogging (o similari) acquisii un "master (annuale) in scienze dello sport e del fitness" che comprendesse anche gli aspetti fisiologici dell'attiità fisica (http://web.unicam.it/sportfitness/), ho aperto un sottocodice di partita iva e ho potuto indicare anche piani di attività fisica.
Considero il master all'unicam un buon investimento (aldilà delle nozioni acquisite) mi ha fornito un "contenitore legale£ (il master ha valore legale - riporta la dicitura "in nome della legge dichiaro il dottor XXX, master in scienze dello sport e del fitness"-) su cui poter inserire le miei nozioni nel settore dell'attività fisica.
Oltretutto furono anche corretti perchè mi fornirono il documento che attestava l'ecquisizione dei 60 CFU (equivalenti ad 1 anno di master) credito per credito (vd. file allegato).



Immagine:

1901,49 KB
Torna all'inizio della Pagina

tesla
Utente

tesla



752 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 09:41:01  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di tesla  Rispondi Quotando
Scusa Celtic ma se non indichi piani di attività fisica come biologo con quale altra professionalità acquisita lo fai? Al momento non mi risulta che un master universitario sia abilitante per esercitare la professione del laureato in scienze motorie. Forse hai acquisito qualche abilitazione o qualifica riconosciuta per poterlo fare?
Sembra la stessa situazione dove un biologo prende un master in fitoterapia e subito dopo inizia a prescrivere fitoterapici. Stesso discorso con il farmacista che, acquisita la specialità in scienza dell'alimentazione, inizia a prescrivere diete.
Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 10:54:53  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da tesla

Scusa Celtic ma se non indichi piani di attività fisica come biologo con quale altra professionalità acquisita lo fai? Al momento non mi risulta che un master universitario sia abilitante per esercitare la professione del laureato in scienze motorie. Forse hai acquisito qualche abilitazione o qualifica riconosciuta per poterlo fare?
Sembra la stessa situazione dove un biologo prende un master in fitoterapia e subito dopo inizia a prescrivere fitoterapici. Stesso discorso con il farmacista che, acquisita la specialità in scienza dell'alimentazione, inizia a prescrivere diete.




L'indicazioe di un piano di attività fisica non è attività esclusiva di un laureato in scienze motorie (che non è una professione protetta) tanto che lo fanno anche i personal trainer che acquiscono tale qualifica oon un corso csen di tre settimane o i naturopati o i "life coach".
Analogamente il laureato in scienze motorie fornisce consisgli nutrizionali (e la differenza con la dieta è praticamente zero) ad atleti e laureati in scienze motorie (che insegnano a scuola) forniscono anche, in assoluta liceità (e in accordo con il Ministero dell'Istruzione), indicazioni nutrizionali ai bambini.
Ancora: chiunque può fornire consigli nutrizionali (anche un elettricista) - vd. life coach, consulenti herbalife, naturopati -
Non è che per fare ogni attività ci voglia la laurea ed esistono dei livelli di informazione e di funzioni (in Italia quello che non è vietato è consentito).
Un master in scienze dello sport non mi rende possibile insegnare educazione fisica a scuola o diventare titolare di una palestra ma attesta una formazione con valore legale nel campo della fisiologia sportiva che utilizzo per indicare alcune semplicissime attività motorie che mi servono a: incrementare il metabolismo, ridurre il perimetro addominale (fattore di rischio per diabete mellito tipo II e ipertensione arteriosa) e contribuire a regolarizzare i parametri di laboratorio.
Esattamente per lo stesso motivo per cui un laureato in scienze motorie indica agli atleti che segue un piano nutrizionale che ne incrmenti le performance sportive.
Non sono in grado di insegnare sport specifici (cosa che un laureato in scienze motorie sa fare - i vecchi laureati isef dovevano conoscere tutte le tecniche di atletica e degli sport di squadra, oltre che nozioni di pronto soccorso e di sana alimentazione - eppure non sono nè nutrizionisti, nè medici).
Così come un laureato in scienze motorie (aldilà delle questioni legali di abuso di professione - REATO PREVISTO SOLO PER LE PROFESSIONI ORDINISTICHE -) non è in grado di elaborare una dieta per un soggetto con malattia da rene policistico, emoromatosi, ipotiroidismo ecc.
Un laureato in scienze motorie segue un atleta che gli chiede cosa deve mangiare, il laureato in scienze motorie chiama un nutrizionista secondo te? Assolutamente no (e ci mancherebbe lo facesse) è assolutamente in grado di fornire indicazioni in tal senso.
Allo stesso modo io non invio il cliente a un laureato in scienze motorie per fargli fare un esercizio sugli addominali e uno sui lombari o per scrivere un piano di jogging.

Altrimenti cosa si fa? Ci vogliono 6 laureati o laureati magistrali per ogni prestazione. Il biologo nutrizionista, il laureato in scienze motorie, lo psicologo (per le indicazioni comportamentali), l'infermiere per dire ad un soggetto con emorroidi di non pulirsi il sedere con carta imbevuta di profumi, l'entomologo per le profilassi antiacaro (in soggetti allergici), l'erborista (non sia mai che domandino quale verdura ha effetto depurante). Ovviamente un approccio del genere non è nè utile, nè realistico, nè concretamente realizzabile.
Perchè le università attivano master in scienze motorie aperte ai biologi? O master in nutrizione accessibili ai laureati in scienze motorie? Per insegnargli cose che non possono applicare? Rilasciandoun titolo di valore legale?
Dobbiamo uscire dalla logica "fannullona" de: "il mio pezzo di carta serve a NON far lavorare gli altri" (e passare a "la scuola serve ad acquisre competenze per lavorare, NON per "non far lavorare").
Comunque farsi 1 anno di università per far fare ad una persona dieci piegamenti è "pure troppo" anche in Italia.
Potevo anche farmi un ocrso csen di tre settimane (che durava e costava 1/10) ed era più che sufficiente (http://www.csen.it/) solo che "Biologo, specializzato alla facoltà di medicina e chirurgia, PERSONAL TRAINER" non era proprio il massimo della vita.....
Anzi va benissimo che le università abbiano aperto master aperti a laureati di diversa provenienza (master in scienze dello sport, m naturopatia - la Sapienza di Roma - Fac. di medicina e chirurgia -) perchè si dà una formazione qualificata e si eliminano tutti i pseudo corsi e le pseudo scuole prive di qualifiche (le scuole in naturopatia che promettonro un titolo equipollente a quelle di Heilpraktiker tedesco, ad esempio).
Non c'è l'ho con te però non si può ragionare secondo il principio di: 1 laurea per 1 funzione. perchè non si lavora (o si fa la solita porcheria all'italiana. del "tutto vietato" ma "tutto permesso" - si scrive su fogli intestati ma non firmati, si dice ma non si scrive, e altre cialtronate).
Almeno che i master (titoli universitari con valore legale) servano ad ampliare le funzioni e eliminare i cialtroni.

In merito al codice di partita iva (codice atecofin che definisce le attività) me lo ha indicato la commercialista.
Comunque anche i naturopati e i life coach hanno codici atecofin: non sono ladri o imbrogioni, attuano consulenze e pagano le tasse.


Torna all'inizio della Pagina

tesla
Utente

tesla



752 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 11:22:12  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di tesla  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da celtic

aldilà delle questioni legali di abuso di professioni - REATO PREVISTO SOLO PER LE PROFESSIONI ORDINISTICHE



Questo non è esatto. Il reato è previsto per chi esercita in assenza di abilitazione dello Stato. Prova a fare il fisioterapista con la laurea in scienze del fiore...

Il personal trainer è abilitato da un ente di diritto pubblico attraverso un corso riconosciuto che attribuisce la qualifica. Quello che non capisco, al di là del titolo accademico, come possa un master abilitare ad esercitare un'attività per cui è richiesta una abilitazione. A me fu risposto che la prescrizione dell'attività fisica spetta al medico e che un master non abilita a farlo. Se poi parli di consigli quelli li danno cani e porci...
Tutto questo senza voler smontare la tua preparazione sicuramente ottima nel settore.

Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 11:49:23  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da tesla

Citazione:
Messaggio inserito da celtic

aldilà delle questioni legali di abuso di professioni - REATO PREVISTO SOLO PER LE PROFESSIONI ORDINISTICHE



Questo non è esatto. Il reato è previsto per chi esercita in assenza di abilitazione dello Stato. Prova a fare il fisioterapista con la laurea in scienze del fiore...
NON SONO PREVISTE ABILITAZIONI PER POTER INDICARE PIANI DI ATTIVITA' FISICA.

Il personal trainer è abilitato da un ente di diritto pubblico attraverso un corso riconosciuto che attribuisce la qualifica.
ABILITAZIONE E' UNA PAROLA GROSSA. IL BIOLOGO CHE FA UN ESAME DI STATO E' ABILITATO.

Quello che non capisco, al di là del titolo accademico, come possa un master abilitare ad esercitare un'attività per cui è richiesta una abilitazione.
NON E' RICHIESTA NESSUNA ABILITAZIONE.

A me fu risposto che la prescrizione dell'attività fisica spetta al medico e che un master non abilita a farlo.
ALLORA NEMMENO IL LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE PU0' FARLO. LA PRESCRIZIONE E' ATTO MEDICO, QUALCUNQUE "COSA" O ATTIVITA' TU PRESCRIVA. IL BIOLOGO NON PUO PRESCRIVERE INTEGRATORI MA PU0' CONSGILARLI. CONCRETAMENTE SIGNIFICA CHE: SE SCRIVO E FIRMO "SI CONSIGLIA INTEGRATORE PINCOPALLO" NON COMMETTO REATO, SE SCRIVO "SI PRESCRIVE INTEGRATORE PINCOPALLO" COMMETTO UN REATO PENALE.

Se poi parli di consigli quelli li danno cani e porci...
NON PROPRIO CANI E PORCI: "Il biologo può autonomamente elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramnto del prorio "benesseere", quale orientamento nutrizionale finalizzato al miglioramento dello stato di salute. In tale ambito può suggerire o consigliare integratori alimentari, stabiliendonoe o indicandone le modalità di assunzione. (PARERE DEL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA' SESSIONE XLVI seduta del 15 Dicembre 2009, - sezione II.

Tutto questo senza voler smontare la tua preparazione sicuramente ottima nel settore.

Quindi seconde te:
- io sarei fuori legge perchè, invece di fare un corso CSEN, aperto a tutti (compresi non diplomati) di due settimane ho scelto di fare un master (titolo con valore legale e forse un pelino piu' qualificante) di 1 anno.

- Dopo questo io sarei un bandito perchè scrivo un piano di jogging mentre mi arrivano in studio persone che mi dicono "dottore ho seguito una dieta fatta dal personal trainer della palestra" - che era camionista fino a due settimane prime - e poi ha fatto il corso csen-.

Mi pare un pochino fuori dalla realtà.......
.

Fatto salvo che LA LEGGE CONSENTE AD UN NERBORUTO PERSONAL TRAINER DI FORNIRE CONSIGLI NUTRIZIONALI (E QUINDI LUI FA BENISSIMO A FORNIRLI), NON E' UN FUORILEGGE.

Torna all'inizio della Pagina

alessio81
Nuovo Arrivato



8 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 12:05:48  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di alessio81 Invia a alessio81 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ma esistono Master un po' più economici? 27000 per uno che non ha un lavoro fisso non è che siano pochi....
Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6561 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 12:12:48  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
@alessio81: no, i prezzi più o meno son quelli. Se vuoi pagar meno non devi rivolgerti alle università ma fare corsi privati

@celtic: in effetti l'ordine nel bollettino di ottobre si esprime in termini di "prescrizione" degli integratori, a differenza del parere che tu citi. L'articolo è allegato qui:
http://www.molecularlab.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=15676
e si legge "il biologo può [...] prescrivere integratori alimentari sulla propria carta intestata" nello schemino dell'ultima pagina

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?

Giuliano Parpaglioni
Biologo Nutrizionista
Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 12:29:28  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Giuliano652

@alessio81: no, i prezzi più o meno son quelli. Se vuoi pagar meno non devi rivolgerti alle università ma fare corsi privati

@celtic: in effetti l'ordine nel bollettino di ottobre si esprime in termini di "prescrizione" degli integratori, a differenza del parere che tu citi. L'articolo è allegato qui:
http://www.molecularlab.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=15676
e si legge "il biologo può [...] prescrivere integratori alimentari sulla propria carta intestata" nello schemino dell'ultima pagina



Ho una risposta (scritta) dell'Ordine in cui si scrive: "il biologo può consigliare integratori ma NON prescriverli".

Inoltre ci sono sentenze della cassazione che condannano persone per "abuso di professione medica" in quanto hanno indotto il cliente a ritenere che fossero medici o "una specie di medici".
Per questo io:
- non utilizzo (nè oralmente, nè per iscritto) termini che possano indurre la persona a ritenere che io sia un medico (es. non "paziente" ma "Persona", non "anamnesi" ma "colloquio", no "prescrizione" ma "consiglio", ecc.).
- Scrivo e firmo tutto su carta intestata che riporta:
Titolo di Biologo e numero iscrizione albo, specilista in..., Master in" (la persona si rende conto che ha a che fare con un dottore magistrale della facoltà di scienze, specializzato alla facoltà di medicina e "masterizzato" a quella di farmacia" QUINDI NON CON UN MEDICO - ma con una persona che ha livello di studio comparabili a quelli di un medico spacialista).
Avevo letto anche io la rivista di ottobre ma credo sia un refuso.
Ci sono dati ufficiali (lettera onb timbrata e firmata e parere consiglio superiore di sanità) che parlano di consiglio.
Da un punto di vista legale quanto riportato sul bollettino conta zero.

Sui costi dei master hai ragione.
I master di strutture private secondo me sono delle fregature: non hanno valore legale.
Un master universitario di 1 anno attesta che la persona ha implementao di 1 anno i suoi studi in un ambito specificio.
Un biologo nutrizionista (5 anni di università e abilitazione) che si faccia un master di secondo livello di un anno in nutrizione clinica, da un punto di vista legale, ha 6 anni di università (come un medico) di cui 1 specificatemanente rivolto allo studio della nutrizione clinica.
Questo non ne fa un medico (che può fare diagnosi) ma lo rende assolutamente competente nel settore (anche in relazione ai rapporti coi medici).
Per questo i master universitari costano tanto.Comunque sentite anche altri pareri. Un master buono per me, può essere una cioferca per un altro biologo.
Torna all'inizio della Pagina

tesla
Utente

tesla



752 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 14:54:51  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di tesla  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da celtic
Ho una risposta (scritta) dell'Ordine in cui si scrive: "il biologo può consigliare integratori ma NON prescriverli".

A quale secolo risale questa risposta? Finchè gli integratori alimentari sono alimenti per me l'ordine può dire quel che vuole.

Citazione:
Inoltre ci sono sentenze della cassazione che condannano persone per "abuso di professione medica" in quanto hanno indotto il cliente a ritenere che fossero medici o "una specie di medici".
Per questo io:
- non utilizzo (nè oralmente, nè per iscritto) termini che possano indurre la persona a ritenere che io sia un medico (es. non "paziente" ma "Persona", non "anamnesi" ma "colloquio", no "prescrizione" ma "consiglio", ecc.).

Anche se utilizzassi quei termini qualificandoti come biologo (anche con tanto di cartellino) mi spieghi quale sarebbe il reato? ...condannato per appropriazione indebita di termini medici...

Citazione:
Avevo letto anche io la rivista di ottobre ma credo sia un refuso.
Ci sono dati ufficiali (lettera onb timbrata e firmata e parere consiglio superiore di sanità) che parlano di consiglio.
Da un punto di vista legale quanto riportato sul bollettino conta zero.

E' che differenza c'è tra un consiglio scritto dove stabilisci dosi e modalità di assunzione con una prescrizione?

Comunque sia ben chiaro che non ho detto che sei un abusivo ma cercavo solo di capire e, per quel che affermi, non è necessaria alcuna laurea o master per consigliare o scrivere (non prescrivere altrimenti...) piani di attività fisica visto che non vi sono abilitazioni specifiche. Il master resta solo un titolo culturale.

Torna all'inizio della Pagina

chim2
Utente Attivo

Death Note



2110 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 15:19:26  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chim2 Invia a chim2 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da tesla

[quote] Il master resta solo un titolo culturale.



a camerino è quasi tutto possibile!!forse l' hanno reso professionalizzante
Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 15:22:49  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da tesla

Citazione:
Messaggio inserito da celtic
Ho una risposta (scritta) dell'Ordine in cui si scrive: "il biologo può consigliare integratori ma NON prescriverli".

A quale secolo risale questa risposta? Finchè gli integratori alimentari sono alimenti per me l'ordine può dire quel che vuole.

Citazione:
Inoltre ci sono sentenze della cassazione che condannano persone per "abuso di professione medica" in quanto hanno indotto il cliente a ritenere che fossero medici o "una specie di medici".
Per questo io:
- non utilizzo (nè oralmente, nè per iscritto) termini che possano indurre la persona a ritenere che io sia un medico (es. non "paziente" ma "Persona", non "anamnesi" ma "colloquio", no "prescrizione" ma "consiglio", ecc.).

Anche se utilizzassi quei termini qualificandoti come biologo (anche con tanto di cartellino) mi spieghi quale sarebbe il reato? ...condannato per appropriazione indebita di termini medici...

Citazione:
Avevo letto anche io la rivista di ottobre ma credo sia un refuso.
Ci sono dati ufficiali (lettera onb timbrata e firmata e parere consiglio superiore di sanità) che parlano di consiglio.
Da un punto di vista legale quanto riportato sul bollettino conta zero.

E' che differenza c'è tra un consiglio scritto dove stabilisci dosi e modalità di assunzione con una prescrizione?

Comunque sia ben chiaro che non ho detto che sei un abusivo ma cercavo solo di capire e, per quel che affermi, non è necessaria alcuna laurea o master per consigliare o scrivere (non prescrivere altrimenti...) piani di attività fisica visto che non vi sono abilitazioni specifiche. Il master resta solo un titolo culturale.





Tesla, ma ci sei o ci fai?
Il Parere del consiglio superiore di sanità e del Dicembre 2009 e parla di consiglio o indicazione, la lettera dell'ONB è del 2005 e, forse non lo sai, ma il fatto che noi si faccia i nutrizionisti è stabilito da una Legge del 1967.

Non si parla di abuso di termini medici, il biologo utilizza termini medici perchè sono i più corretti (e ovviamente non commette reato) é il porre in essere dei comportamenti che inducano la persona a ritenere di avere a che fare con un medico che concorre a determinare il reato di abuso di professione medica.
Esempio: iscriversi nelle pagine gialle nella categoria dei medici specialisti, svolgere attività mediche (l'anamnesi è ATTO MEDICO, la prescrizione è atto medico - fosse anche di cipolle -), l'indicare il titolo di dottore e la specializzazione senza la laurea di base (es. Dottor pincopallo microbiologo e virologo - se non scrivi anche "Biologo" la persona può pensare di avere di fronte un medico).
Ti assicuro che l'ordine ha pesantemente ripreso colleghi che giocavano a fare i medici (pechè vanno a danneggiare la categoria).
Poi fai quel che vuoi.
Che differenza c'è tra consiglio e prescrizione? Che la prescrizione è atto medico, e per compiere atti medici bisogna essre iscritti all'ordine dei medici.
E c'è anche il rispetto del Codice Deontologico (che forse faresti meglio a leggere, anche se è un pochino datato) che prevede (art- 14) che i rapporti con i clienti siano fondati a lealtà e correttezza.
Un Biologo che:
- non si qualifichi come biologo;
- idichi prescrizioni:
- si spacci di fatto per medico specialista (scrivere sulla carta intestata il titolo di specializzazione ma nnn la laurea, ecc.);
- si qualifica con titoli privi di valore legale (es. "etologo alimentare", andate a leggere il numoero di ottobre di "Biologi italiani" in merito a tale qualifica - tra l'altro rilasciata da un "master" non universitario, che consigliava bioimpedenzometri che erano dei meri analizzatori di grasso - infatti mancava l'angolo di fase) gestito NON da medici).


Oltre a rischiare di essere perseguito per reato di abuso di professione medica viola il codice deontologico.
Poi se uno vuole fare il cialtrone lo fa ma non pretenda di insegnare la professione. Il cialtrone è cialtrone. Punto.
Se io appendo in srusdio un "falso master" quando entra un cliente e si accorge che il master è "finto" io, qui in Friuli, ho finito di lavorare.
So che girano dei bei furboni che retribuiscono che propongono l'esecuzione di test per le intolleranze:
1) il sangue è rifiuto speciale (quindi ci vuole contratto con una ditta di rifiuti speciali);
2) Il comune (sioccome puoi sporcare di sangue, obbliga ad evere lavabo e tavolo con superficie lavabile e disinfettabile):
- per eseguire il prelievo ci vuole: iscrizione allìAlbo sezione A + specializzaizone + corso prelievi.

Le stesse ditte di furboni (che organizzavano corsi ecm a Milano - adesso non più perchè non c'erano iscritti, i corsi li fanno solo da Roma in giù) proponevano il 20% anche su altri test o su integratori (tutte cose che non si possono fare - ho delle bellissime risposte dell'Ordine anche del 2009, in merito) senza contare che un professionista (Biologo o Medico) non può vendere, nè farmaci, nè integratori (sennà i medici sarebbero straricchi - visto che li prescrivono loro-).



Torna all'inizio della Pagina

chim2
Utente Attivo

Death Note



2110 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 15:45:20  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chim2 Invia a chim2 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
rimane il fatto che il master non è titolo professionale!
cmq per gli integratori alimentari non c'è bisogno di nessuna prescrizione quindi il problema non si pone a priori
Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 15:51:11  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da chim2

rimane il fatto che il master non è titolo professionale!



No: è un titolo professionalizzante ma non abilitante.Esempio: un laureato in scienze motorie che faccia un master in nutrizione non può elaborare diete ma utilizza le nozioni acquisite nel master per fornire dei migliori consigli nutrizionali.
La consulenza nutrizionale NON è attività che per essere svolta richieda abilitazione statale.

Torna all'inizio della Pagina

chim2
Utente Attivo

Death Note



2110 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 15:57:40  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chim2 Invia a chim2 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da celtic

Citazione:
Messaggio inserito da chim2

rimane il fatto che il master non è titolo professionale!



No: è un titolo professionalizzante ma non abilitante.Esempio: un laureato in scienze motorie che faccia un master in nutrizione non può elaborare diete ma utilizza le nozioni acquisite nel master per fornire dei migliori consigli nutrizionali.
La consulenza nutrizionale NON è attività che per essere svolta richieda abilitazione statale.

la consulenza viene svolta da farmacisti in campo nutrizionale quindi credo occorra l' abilitazione lo stesso



Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 16:40:15  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da chim2

Citazione:
Messaggio inserito da celtic

Citazione:
Messaggio inserito da chim2

rimane il fatto che il master non è titolo professionale!



No: è un titolo professionalizzante ma non abilitante.Esempio: un laureato in scienze motorie che faccia un master in nutrizione non può elaborare diete ma utilizza le nozioni acquisite nel master per fornire dei migliori consigli nutrizionali.
La consulenza nutrizionale NON è attività che per essere svolta richieda abilitazione statale.

la consulenza viene svolta da farmacisti in campo nutrizionale quindi credo occorra l' abilitazione lo stesso







Un laureato in scienze motorie può tranquillamente indicare ad un atleta, ad esempio, di: "consumare due porzioni da 30 g ciacuna di formagggio grana la settimana" - per migliorare la funzione muscolare-. "bere x ml di acqua ogni venti minuti durante gli allenamenti di corsa", ecc.
Si tratta di consigli nutrizionali per i quali non è prevista abilitazine statale.
A livello scolastico l'insegnante di educazione fisica è anche colui che indica "sani stili di vita" (http://archivio.pubblica.istruzione.it/normativa/2009/allegati/all_prot4273.pdf ) e, appare implicito, che ci rientri l'alimentazione.

Io collaboro con un centro medico al cui interno opera un laureato in scienze motorie che esegue analisi posturale e non c'è nessun problema coi fisioterapisti nè io mi offendo o lo denuncio se lui dà indicaioni nutrizionali ai suoi assistiti.

Altrimenti non ha senso che si aprano master in nutrizione a laureati in scienze motorie.

Diventiamo tutti come il culetto che, notoriamente, fa una cosa sola, e non è che si possa lavorare agendo in tal modo....

Oppure tutti medici per non fare i medici.

Non ha senso.






Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6561 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 17:02:28  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
sta storia della prescrizione come atto medico non mi va giù. Il biologo può prescrivere diete, qualunque cosa ne dica il parere del CSS. Vogliamo parlare di consigli nutrizionali anche per il biologo? Non mi pare sia proprio così, visto che può "valutare i bisogni nutritivi" di chiunque in base ai quali a norma di legge può stilare un menù giornaliero, settimanale o d'esempio. Se questa non è prescrizione non so cosa sia. Per questo sono perplesso anche sugli integratori (che sono considerati alimenti).

Infine ti chiedo di moderare i toni:
Citazione:

Tesla, ma ci sei o ci fai?


Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?

Giuliano Parpaglioni
Biologo Nutrizionista
Torna all'inizio della Pagina

chim2
Utente Attivo

Death Note



2110 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 17:10:30  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chim2 Invia a chim2 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Giuliano652

sta storia della prescrizione come atto medico non mi va giù. Il biologo può prescrivere diete, qualunque cosa ne dica il parere del CSS. Vogliamo parlare di consigli nutrizionali anche per il biologo? Non mi pare sia proprio così, visto che può "valutare i bisogni nutritivi" di chiunque in base ai quali a norma di legge può stilare un menù giornaliero, settimanale o d'esempio. Se questa non è prescrizione non so cosa sia.

Infine ti chiedo di moderare i toni:
Citazione:

Tesla, ma ci sei o ci fai?



concordo altrimenti si fa filosofia con molti sillogismi e basta!!!
per il resto celtic non so come sia la situazione per laureati in scienze motorie ma se fanno un lavoro per cui hanno studiato non vedo il problema,(forse un albo lo faranno anche per loro..)
cmq fatto sta celtic che il tuo discorso è corretto fino a un certo punto altrimenti anche farmacisti,chimici che fanno master e scuole di specializzazione si mettono a prescrivere diete,se c'è una legge va rispettata (anche se come dico sempre si gioca sempre sui giochi di parole...)se una professione è protetta è giusta che anche altre vengano protette ...
cmq sull' alimentazione penso che glistudenti possono farci una tesi in giurisprudenza!!
ah precisavo il titolo è culturale non professionale o abilitante (il master)
Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 17:31:05  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da Giuliano652

sta storia della prescrizione come atto medico non mi va giù. Il biologo può prescrivere diete, qualunque cosa ne dica il parere del CSS. Vogliamo parlare di consigli nutrizionali anche per il biologo? Non mi pare sia proprio così, visto che può "valutare i bisogni nutritivi" di chiunque in base ai quali a norma di legge può stilare un menù giornaliero, settimanale o d'esempio. Se questa non è prescrizione non so cosa sia. Per questo sono perplesso anche sugli integratori (che sono considerati alimenti).

Infine ti chiedo di moderare i toni:
Citazione:


Tesla, ma ci sei o ci fai?





Il biologo può elaborare diete (anche in accertate condizioni fisiopatologiche) e non può prescrivere ma consigliare o indicare integratori.
Poi se vuoi prescrivere, prescrivi.

Io, come biologo, DEVO attenermi alla indicazioni del mio ordine (oltre che a quelle di legge). Se il mio Presidente mi scrive "gli integratori possono essere consigliati ma non prescritti" io li consiglio ma non li prescrivo. Tanto più se c'è un parere del CSS.
Poi ciascuno si assume le responsabilità di ciù che fa.
Torna all'inizio della Pagina

tesla
Utente

tesla



752 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 17:57:44  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di tesla  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da celtic
Tesla, ma ci sei o ci fai?
Il Parere del consiglio superiore di sanità e del Dicembre 2009 e parla di consiglio o indicazione, la lettera dell'ONB è del 2005 e, forse non lo sai, ma il fatto che noi si faccia i nutrizionisti è stabilito da una Legge del 1967.


Continui a modificare le domande per dare le uniche risposte che sai dare? Vedi un po' tu chi ci è o chi ci fa... E' per questo che eri sparito dal forum o ti avevano bannato?
Ti ho chiesto la diferenza tra il consiglio scritto di un integratore con stabilite le dosi e le modalità di assunzione ed una prescrizione. Non ti ho chiesto la differenza tra un consiglio e una prescrizione. E tu invece rispondi che la prescrizione è un atto medico... Questo vuol dire che se tu scrivi su carta intestata "si prescrive pistola ad acqua per pupo di anni 3" commetti il reato di esercizio abusivo della professione medica? Dai su non farmi ridere! La prescrizione è un atto medico relativamente ai farmaci, alle terapie e agli esami diagnostici. Prescrivere vuol dire ordinare per iscritto e poichè il biologo può ordinare una dieta può anche prescriverla.
http://www.onb.it/writable/altrifiles/prescrizionediete.pdf

Resta il fatto che i consigli sull'attività fisica li può dare anche il fruttivendolo. Gli integratori non sono farmaci e non sono soggetti a prescrizione quindi mettiti l'animo in pace perchè il consiglio può essere anche un documento scritto su carta intestata che arriva in farmacia. Per la conferma puoi scrivere alla FOFI che ti risponderà riguardo agli integratori come rientranti nella sfera alimentare (tanto che si vendono al supermarket).

Adesso tutti al master professionalizzante in fitoterapia per "consigliare" fitoterapici!!!!
Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 17:58:34  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da chim2

Citazione:
Messaggio inserito da Giuliano652

sta storia della prescrizione come atto medico non mi va giù. Il biologo può prescrivere diete, qualunque cosa ne dica il parere del CSS. Vogliamo parlare di consigli nutrizionali anche per il biologo? Non mi pare sia proprio così, visto che può "valutare i bisogni nutritivi" di chiunque in base ai quali a norma di legge può stilare un menù giornaliero, settimanale o d'esempio. Se questa non è prescrizione non so cosa sia.

Infine ti chiedo di moderare i toni:
Citazione:

Tesla, ma ci sei o ci fai?



concordo altrimenti si fa filosofia con molti sillogismi e basta!!!
per il resto celtic non so come sia la situazione per laureati in scienze motorie ma se fanno un lavoro per cui hanno studiato non vedo il problema,(forse un albo lo faranno anche per loro..)
cmq fatto sta celtic che il tuo discorso è corretto fino a un certo punto altrimenti anche farmacisti,chimici che fanno master e scuole di specializzazione si mettono a prescrivere diete,se c'è una legge va rispettata (anche se come dico sempre si gioca sempre sui giochi di parole...)se una professione è protetta è giusta che anche altre vengano protette ...
cmq sull' alimentazione penso che glistudenti possono farci una tesi in giurisprudenza!!
ah precisavo il titolo è culturale non professionale o abilitante (il master)



E' una questione di "livello di prestazione", una dieta prevede un livello di prestazione molto più approfondito di un consiglio nutrizionale.
Ormai è evidente che laureati diversi hanno sfere di competenza comune (es.: laurea specialistica in attività motorie e adattate e livello di sovrapposizione con i fisioterapisti).
La questione del livello c'è sempre stata. Per specializzarmi in microbiologia la legge italiana prevedeva che io eseguissi formulazioni diagnostiche, ma c'è una differenza (e non sottile) tra "formulazione diagnostica" e diagnosi.
Un conto è interpretare un valore esempio:
In merito agli esami di laboratorio (del XX/XX/XXXX) preciso quanto segue.
Risultano tre valori non rientranti nell'intervallo di normalità (oltre al colesterolo, valore di 200 mg/dl).
(...)

3) "ALT alanino amino transferasi, valore rilevato 52,1 U/l, valore normale 5 - 41 U/l".
L'ALT o "GPT" (Glutamico - Piruvico Transaminasi) è una sostanza (localizzata principalmente nel fegato ed, in misura minore, nel cuore e nel muscolo) che trasferisce "gruppi amminici" (gruppi contenenti azoto) dalle proteine ai carboidrati (da cui il termine "trans- aminasi" sostanze che trasferiscono - "trans" - gruppi amminici). L'ALT è stata utilizzata come parametro di danno cellulare epatico. In altri termini: se le cellule del fegato si "rompono" i livelli di ALT nel sangue aumentano.
L'ALT è però un indice assolutamente aspecifico, infatti:
- i livelli di ALT si elevano anche in persone sane ma in sovrappeso (BMI maggiore o uguale a 25).
- L'attività fisica intensa eleva la ALT in persone sane.
- Nelle malattie epatiche, nella maggior parte dei casi, si elevano entrambe le transaminasi (sia ALT che AST - "aspartato amino transferasi" - AST che, con riferimento all’esame in questione, rientra nella norma). Inoltre, solitamente, le transaminasi si elevano in misura maggiore (dalle 3 alle 5 volte rispetto al valore normale: nel dato di laboratorio a lei riferito non si raggiunge nemmeno il doppio della concentrazione normale).
In merito alla specificità delle transaminasi (come “markers” di patologie epatiche) si riporta come persone con gravi malattie al fegato (infezione cronica dal virus dell'epatite C) abbiano livelli di ALT normali (fino al 20% in alcuni studi - Sanai et al., 2008-).
Conclusioni.
Molto raramente dati di laboratorio quali quelli di cui sopra sono associati a patologie epatiche.


Quella sopra è una interpretazione in senso clinico di dati di laboratorio che ho rilasciato per iscritto, a nota di un trattamento nutrizionale, su carta intestata, timbrata e firmata.
Tra l'altro ad un membro di forze di polizia che poteva tranquillamente interevenire in caso di abusi.
E rientra assolutamente nelle ocmpetenze del biologo.E' chiaro che non ho scritto: "sulla base dei valori di transaminasi io ESCLUDO lei possa avere patologie epatiche" o "lei ha un carcinoma epatico", o "la sua funzionalità epatica è ridotta del 20%".
Aldilà dell'abuso di professione medica avrei solo dimostrato incompetenza perchè non si possono trarre simili conclusioni sulla base di esami di laboratorio.

A parte che, in oltre 40 anni di esistenza professioonale, l'unico biologo condannato per abuso di professione medica è stato un collega che aveva eseguito un prelievo (parecchi anni fa).

Ma anche i naturopati condannati per abuso di professione medica erano dei meri "cialtroni" che si spacciavano per medici (proprio attuando tutti i trucchetti citati prima - iscrizione nelle pagine gialle alla voce medici specialisti; titolo di dottore in "nome di fantasia similie ad una specializzazione medica",prescrizione di farmaci da banco...).
Ed è sacrosanto nel caso un Collega si comportasse nello stesso modo la pagasse (ed alcuni sono stati pesantenemente ripresi dall'Ordine) perchè vanno a danneggiare quelli onesti che pesano ogni virgola (perdendo tempo e quindi guadagnando meno) rispetto a un ipotetico collega che scarabocchi un nome su un foglio di carta intestata simulando il medico.
Comunque l'ordine vigila ed interviene (rif. comunicazione orale rappresentante nazionale onb - di una settimana fa -).

In pratica: chi vuole fare il biologo nutrizionista è assolutamente autonomo e nessuno gli rompe le scatole, chi usa la laurea in biologia per spacciarsi per medico la paga.
Ed è sacrosanto che sia così: PER RISPETTO DELLA PERSONA CHE CHIEDE LA PRESTAZIONE, CHE SPESSO E' CULTURALMENTE INDIFESA (livello scolastioc da scuola dell'obbligo) e DEVE ESSERE TRATTATA CON LEALTA'.


Torna all'inizio della Pagina

tesla
Utente

tesla



752 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 18:11:00  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di tesla  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da celtic
Comunque l'ordine vigila ed interviene


In quale pianeta accade una cosa simile? In Italia è tipica l'equazione palestra = prescrizione diete...
Torna all'inizio della Pagina

chim2
Utente Attivo

Death Note



2110 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 18:18:28  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chim2 Invia a chim2 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
http://darimar.altervista.org/movimento/detrazioni.php qui viene specificato che gli integratori non sono farmaci,non hanno uso terapeutico...non c'è bisogno di prescrizione a priori (lo ripeto)
Torna all'inizio della Pagina

celtic
Utente Junior




179 Messaggi

Inserito il - 28 aprile 2010 : 18:18:37  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di celtic Invia a celtic un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da tesla

Citazione:
Messaggio inserito da celtic
Comunque l'ordine vigila ed interviene


In quale pianeta accade una cosa simile? In Italia è tipica l'equazione palestra = prescrizione diete...




L'ordine non perde tempo vs estetiste e personal trainer: vigila sui suoi iscritti.
Per quanto mi risulta se una persona ha patologie (o le ha avute) non va a farsi fare la dieta dal personal trainer.
E comunque i consigli nutrizionali può darli chiunque e, in ogni caso, una dieta firmata e timbrata da un personal trainer non la ho ancora vista (nemmeno dagli atleti che mi riferivano tale attività da parte dei personal trainer).


Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 8 Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-14 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina