Bioinformatica e Web 2.0

Inside Bioinfo

6 novembre 2007 - 15:03

Genome Commons (Farsi il genoma da soli)

Ricordo quando anni fa incontrai per la prima volta la parola “Commons” insieme a “proteomica”. Proteomecommons fu un sito di grande interesse. Lo si sarebbe dovuto mettere su un piedistallo solo per 2 aspetti: distribuivano l’archivio dei dati e dei tool via torrent, e avevano realizzato la geniale trovata della fetta di torta che viene mangiata mentre si naviga nel sito.

Purtroppo è ormai un progettino messo da parte. :-( In compenso, ecco nascere un progetto che al momento pare limitato ma che nvece è molto ambizioso: genomecommons. Tutto parte da un articolo pubblicato su Nature, che risulta stimolante e futuribile.
Come dice il suo esimio autore Steve Brenner

The Genome Commons and Genome Commons Navigators are open resources I propose to assist with personal genome interpretation.

Il progetto è stato ispirato dai progressi della genotipizzazione e sequenziamento, e la possibilità abbastanza comune ormai per le persone fisiche di ottenere il proprio genoma sequenziato. Alcuni di questi pensieri sono enunciati nel post iniziale del blog del progetto.

Tutto il materiale è sotto licenza Creative Commons, che è un’ottima decisione. In questo caso Commons significa una distribuzione pubblica della conoscenza della variabilità genetica umana e i suoi effetti; conoscenza sostenuta da database, laboratori diagnostici, e letteratura scientifica.
Consiglio d’andare a darci un’occhiata. Anche solo per rendersi conto come il web e la filosofia del Commons sta aprendo panorami nuovi e stimolanti.

Related Posts

  1. Librerie di oggetti bioinformatici Python (metalinguaggi da laboratorio da condividere)
  2. 23andMe sbarca in Europa (Il mio genoma e’ più bello del tuo!)
  3. Scaricare articoli da casa
  4. Protein ID mapping (come passar da una nomenclatura ad un’altra in due facili click)

 

RSS feed per i commenti di questo post | TrackBack URI